Come memorizzare numeri di grandi dimensioni?

Il cervello richiede allenamento per rimanere fluido negli anni e per consentire all’essere umano di mantenere giovane anche corpo.

Tra i vari metodi per tenere la mente allenata mi sono i quotidiani come la Settimana Enigmistica o altri giornali periodici con cui mettere alla prova le proprie capacità di risolvere enigmi, rompicapi e parole crociate. Molti di questi giornali oggi hanno avuto una trasposizione online ben fatta e funzionale che consente di continuare l’allenamento cerebrale anche dal proprio tablet, dal proprio computer o telefono cellulare. Il Consiglio dei dottori è quello di cercare di sfruttare il tempo libero della giornata di ognuno di noi per allenare la memoria, come ad esempio con l’esercizio della memorizzazione delle targhe automobilistiche che si può fare nel traffico o con ad esempio l’esercizio di memorizzare i numeri telefonici della rubrica proprio telefono mentre si e nelle sale di attesa o sulla metropolitana o in altri luoghi in cui non si può momentaneamente dar vita ad altre attività.

Anche durante lo sport è possibile allenare il cervello eseguendo calcoli matematici o cercando di sviluppare nuove strategie di memorizzazione delle informazioni.

Molto spesso capita di vedere nei programmi televisivi ospiti dotati di grandi capacità di memorizzazione e con il cervello ben allenato. In molti casi si tratta di persone che riescono a memorizzare numeri di grandi dimensioni e composti da molte cifre. Per riuscire in tali intenti è necessario prima di tutto trovare il sistema per memorizzare in modo sequenziale una cifra elevata, inventando una storia coerente che accomuni ciascun numero con il successivo in un filo logico che permetta poi di ricordare e di scrivere il numero intero in modo corretto.

Esempio: ci si trova a dover memorizzare la sequenza 1 8 7 4.

Come fare?

Prima di tutto si deve fare un’analisi del numero da scomporre. In questo caso, vediamo che il primo numero e il terzo (quindi a intervallo regolare, sono costituiti da due stecche verticali. Il terzo cresciuto rispetto al primo (il 7 ha una stanghetta in più rispetto all’1).

Si può pensare a costruirla con la logica dei numeri alternati (ossia unire mentalmente questi due numeri), mentre per gli altri due, otto e quattro, unirli secondo la strategia della decrescita dimezzata quindi e sarà sufficiente per ricostruire il numero 1874 ricordare le due aree intervallate, la prima coppia intervallata crescente di dimensione, mentre la seconda coppia intervallata dimezzata della metà.

L’importante è trovare una connessione tra i numeri. Il numero 2309442 mi fa pensare a:

– fortuna (23)
– niente (0)
– nei mondiali giocati in USA nel (94)
– perdemmo per aver usato la formazione 4-4-2

Memorizzare altre informazioni, come le fermate della metropolitana.

Qualora si dovessero ad esempio invece memorizzare le fermate della metropolitana sarà possibile realizzare una piccola storia in base ai nomi delle fermate. Prendiamo ad esempio la metropolitana della linea A di Roma e memorizzare le fermate da Numidio Quadrato a Ponte Lungo. In tale situazione è ipotizzabile memorizzare la storia del signor Numidio, che era un uomo molto quadrato e proprio perchè era quadrato non riusciva a passare nel sotto l’arco perchè l’arco non ha una forma quadrata, ma rotondeggiante e quindi si incastrò sotto l’arco di Travertino, ossia del travertino di cui era costituito l’arco, che veniva dalle colline limitrofe dei Colli Albani. Ma come veniva portato questo Travertino dai Colli Albani?

Veniva portato attraverso il Ponte Lungo. Ed ecco così che il gioco è fatto!

Queste piccole strategie utilissime per migliorare il rendimento del cervello, sono molto utili per produrre dei pattern (schemi) mentali che il cervello si troverà ad utilizzare, se ben allenato, in modo inconscio alla prima occorrenza in cui la memoria sarà chiamata a funzionare.

Mi alleno spesso nel traffico memorizzando le targhe degli autoveicoli, composte dal formato AA 123 AA.

E’ così che BJ 761 CF diventa:

Un Disk Jokey (DJ) che però è stato declassato di due categorie (se nell’alfabeto torniamo indietro di 2 posizioni dalla D si arriva alla B), il quale suonava sugli aereoplani 767 in cui avevano tolto 6 posti per fare spazio alla console (767 – 6 = 761) e che quando l’aereo precipitò, lo riconobbero solo grazie al chip del codice fiscale (CF) contenuto nel suo portafoglio.

Provateci. E’ divertente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Current month ye@r day *